Asmara: l’Ufficio Postale

  • L’ufficio postale di Asmara, Eritrea, progettato e costruito dagli italiani nel ventennio fascista e che un’ impossibile macchina del tempo sembra aver fermato a quasi un secolo fa. Marmi e colonne delimitano i vari sportelli per le operazioni postali.
  • Le vecchie caselle postali del "Fermo Posta" coprono un’ intera parete. Un'altra "modernità" diventata malinconicamente antica e che i più giovani, al tempo di internet, non sanno nemmeno a cosa servisse ( c'erano anche in Italia, ma oggi sono rimaste solo in Eritrea).
  • Un dettaglio delle cassette postali. Oggi l'equivalente di queste cassette si trova nei microscopici circuiti di silicio di computer, telefonini, ipad .
  • La luce filtra da numerose finestre circolari che ricordano il quadrante di un orologio o i dischi forati dei vecchi telefoni. I simboli di una modernità superata da quasi un secolo.
  • Persino il tavolo dove compilare i moduli è originale e anche qui ritornano i motivi circolari che ricordano ingranaggi o dischi tipici dei nuovi congegni che stavano cambiando la vita dei nostri nonni e bisnonni.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

One Response to “Asmara: l’Ufficio Postale”

  • pietro mastrobuoni:

    Carissimo Lorenzo,

    con le navi della croce rossa, le così dette “navi bianche”sono rimpatriato dall’Asmara nel 1943 dopo un soggiorno ivi di oltre 4 anni.

    Nell’indirizzo http://www.lorenzopinna.com/?page_id=1017 ho ammirato le fotografie dell’interno dell’ufficio postale di detta città.

    Per non tediarti troppo, puoi dirmi se e dove posso reperire altre fotografie della città di Asmara che Piero Angela e tu sicuramente avrete fatto in occasione del filmato “Asmara la più bella città africana” andata in onda in superquark di qualche tempo fa.

    Sai, i ricordi e la nostalgia di quel periodo che seppur di guerra, purtuttavia è rimasto nel cuore e ogni volta che ne sento trattare, si risvegliano in me sensazioni sempre nuove.

    Il mio indirizzo e-mail è :

    Ti ringrazio infinitamente per quello che potrai fare.

    Pietro M – Cagliari

    PS: a quando un altro servizio sulla bella città ??

Lascia un commento